Si terrà ad Avetrana nei giorni 25, 26 e 27 giugno prossimi, presso la azienda Turistico-Rurale Bosco, in via Stazione km. 1, la quarta edizione de "Le Giornate dell'Olivicoltura", il meeting internazionale organizzato dalla Cia di Taranto.

L'importante appuntamento, diventato, grazie alle tematiche dibattute e alla rilevanza degli ospiti, un punto di riferimento per il comparto olivicolo e per l'intero settore agroalimentare, vedrà anche quest'anno rappresentanti della Cia e aziende del territorio confrontarsi sulle tecniche colturali, sulle idee, sui mercati e sugli interessi di diversi Paesi a vocazione olivicola, sia europei che extra europei, con i più importanti esperti del settore a livello internazionale.

L'obiettivo della Cia di travalicare i confini nazionali scaturisce dalla consapevolezza che la globalizzazione dei mercati condiziona oggigiorno l'attività imprenditoriale a qualsiasi livello; volendo garantire agli agricoltori l'acquisizione di una serie di informazioni e di strumenti propedeutici allo svolgimento dell'attività imprenditoriale, la Cia ha voluto dotarsi di un importante strumento di studio e di aggiornamento per l'intero comparto.

L'evento è suddiviso in tre giornate, ognuna dedicata ad uno specifico argomento.

Nel corso del  primo giorno, definito tecnico-internazionale, si parlerà di un argomento che sta coinvolgendo tutto il settore, la coltura super-intensiva, la nuova filosofia produttiva proveniente dalla Spagna e sempre più diffusa in tutta Europa; in particolare, attraverso un confronto tra paesi produttori, si parlerà del miglioramento della qualità dell'olio in un'ottica di sostenibilità con rappresentanti di Siria, Libano, Turchia, Palestina, Tunisia, Grecia e Italia.

La seconda giornata, dedicata agli scambi commerciali, vedrà protagonista il consorzio per l'export "Sapori e Profumi della Terra di Puglia", che associa 30 aziende del settore agro-alimentare all'interno del quale la filiera dell'olio è fortemente rappresentata e che incontrerà gli operatori ed i buyers dei Paesi potenzialmente ricettivi dei nostri prodotti: Serbia e Paesi dell'est europeo, Russia, Usa, Canada, Colombia, Venezuela ed India.

La terza giornata, quella istituzionale-culturale, aprirà un grosso dibattito sul Pon (Piano olivicolo nazionale), sulla nuova legge sul made in Italy e sull'etichettatura, con l'obiettivo di offrire ai presenti nuove opportunità da cogliere per il comparto; verranno infatti sviscerate, alla presenza di illustri esponenti del mondo istituzionale e politico, le esigenze e le problematiche del settore olivicolo.

Nel corso della stessa giornata saranno conferite borse di studio a studenti delle scuole elementari, medie e superiori del territorio relative alla elaborazione di temi, disegni, studi attinenti al settore olivicolo locale; in particolare la cerimonia di premiazione sarà effettuata la mattina di sabato 27 giugno, presso l'aula consiliare del comune di Manduria da parte del sindaco dello stesso comune Francesco Massaro, di altri autorevoli sponsor del meeting e dei dirigenti della Cia.

Tutte e tre le serate saranno coordinate dal presidente provinciale della Cia di Taranto Nicola Spagnuolo e concluse dal presidente nazionale Giuseppe Politi; durante le prime due giornate  la Cia si avvarrà del prestigioso ausilio dei tecnici dello Iamb di Valenzano e dell'ing. Roberto De Petro, conduttore della trasmissione televisiva "Agrisette" di Telenorba.