La nuova sensibilità del Governo Regionale verso le tematiche della salute pubblica e dell’ambiente

La Giunta Regionale ha deliberato di impegnare circa 56 milioni di euro di fondi CIPE e FAS per il disinquinamento dei siti industriali della Puglia.


In particolare saranno oggetto di tali procedure le aree di 4 province e cioè l’ex gasometro di Bari, i siti Cemerat, Matra ed Euroecologi di Statte e Taranto, l’area ex Micorosa del petrolchimico di Brindisi, parte delle ex discariche industriali ed urbane di Manfredonia, oggetto di procedura di infrazione della Comunità Europea, e l’ex area industriale SAIBI di Margherita di Savoia.

Siamo di fronte ad uno dei più grossi investimenti finalizzati alla bonifica ed al risanamento ambientale dei siti inquinati della Puglia mai attivati fino ad oggi.

Si conferma così la nuova sensibilità del Governo Regionale verso le tematiche della salute pubblica e dell’ambiente.