Come al solito ad ogni fine campagna elettorale, scrivo le mie impressioni. Oggi si è chiusa questa ennesima campagna, devo dire una ottima campagna per quanto mi riguarda ma che non ha potuto non lasciarmi un po sbigottito nelle sue fasi finali, soprattutto per quanto è successe negli ultimi giorni tra il PD e il PDL, due partiti che non fanno altro che punzecchiarsi a vicenda come i bambini. E quello che è successo stasera riflette in effetti la situazione avetranese di scontro che sia la minoranza che la maggioranza al Consiglio Comunale con annesso Sindaco non fanno che alimentare in barba ad ogni attività di pacificazione. Stendiamo un velo pietoso poi sul riferimento del Sindaco De Marco al nome del Presidente Nicola Vendola, da lui chiamato in modo dispregiativo e a mò di sfottò Nicoletta...

Il Sindaco De Marco nonostante vada sul palco a chiedere rispetto per le persone e rispetto per le Istituzioni da esse rappresentate non ha mancato di dimostrarsi anche questa volta volgare e cafone, chiamando con il tono dispregiativo in quel modo il Presidente Vendola. Ma vabè tralasciando questo triste episodio che si commenta da se vorrei parlare di altro.

In Avetrana come si sa, amicizie e parentele si sono rovinate per la politica ma i due grandi partiti rimasti però un po bambini non fanno nulla per ovviare a questa situazione. Da giorni si notava come dal palco dei comizi, non si palasse di programmi per le ezioni europee (su cui ci sarebbe stato tanto da parlare) nè di programmi per le elezioni provinciali. Il dibattito un po fiacco si era spostato su chi ha realizzato l'impianto di illuminazione provinciale di Via Erchie e Via per Mare. Oltre queste interessanti quanto inutili discorsi, si passava alla lotta duale tra i leader PD e PDL.  Fino a giungere a questa sera dove un assembramento di gente si è litigata nei pressi del palco per circa venti minuti(come mostrano le foto) su chi dovesse in quel momento dire il proprio pistoletto per rispondere alle accuse dell'avversario.

Nella ultima giornata si parla ciascuno 15 minuti per l'appello al voto, ma per due o tre volte il PDL scendeva dopo aver offeso a livello personale il PD e il PD saliva sul palco dopo aver offeso a livello personale il PDL. Dopo un andirivieni di tre quarti d'ora e dopo la geniale sparata del Sindaco su Vendola sono venuti quasi al contatto fisico per capire chi dovesse allora parlare nel quarto d'ora successivo visto che la lista Di Pietro aveva delegato 3 diversi partiti per quell'orario. Non essendosi messi daccordo non ha parlato nessuno e al successivo quarto d'ora è toccato a noi di Sinistra Unita, defilandoci molto bene dalla bagarre che da giorni stanno facendo PD e il PDL parlando veramente di contenuti e di politica senza dover inseguire nessuno in risposte offensive o quant'altro nè scendendo a rispondere a inutili quanto volgari provocazioni.

Al termine dell'intervento di Rosaria noi tutti abbiamo quindi lasciato la piazza perchè vedere Mario De Marco e Punzi/Conte litigare per 1 ora e mezzo non è proprio un bello spettacolo. Lo stile e l'educazioe che ci contraddistingue non ci permettono di scendere a certi livelli.

Buona notte