Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale ha affidato ad Italia Lavoro la realizzazione del progetto denominato “Interventi speciali a sostegno dell’occupazione nel Comune di Taranto”. In tale ambito un ruolo primario sarà svolto dalla Provincia di Taranto e, in particolare, dall’Assessorato al Lavoro e Formazione Professionale, dal momento che tutta l’istruttoria relativa alla realizzazione del progetto medesimo sarà curata dai Centri Territoriali per l’Impiego...

La rilevanza del progetto risiede nella circostanza che esso coinvolge tanto coloro che, pur avendo prestato attività lavorativa, sono stati successivamente emarginati dal mercato del lavoro nonché coloro che sono in cerca di prima occupazione.

Nel primo caso l’intervento, rivolto a 566 unità espulse dal ciclo produttivo da parte di aziende della provincia di Taranto, prevede il sostegno delle stesse mediante strumenti finalizzati all’erogazione di servizi di reimpiego onde consentire l’accompagnamento alla fuoriuscita dal mondo del lavoro. Nel secondo caso, invece, l’intervento, diretto ad incrementare l’occupazione di 500 giovani disoccupati, la cui priorità è assegnata ai residenti nel Comune di Taranto e successivamente a quelli residenti nella provincia, di età compresa tra i 18 ed i 35 anni, prevede l’attivazione di 500 tirocini formativi e di orientamento. I tirocinanti, appartenenti ad una delle categorie previste dalla normativa in vigore (art. 18 della L. 196/97 e decreto di attuazione n. 142 del 1998, nonché alla vigente normativa in favore dei disabili) potranno essere segnalati dal datore di lavoro o, in assenza, essere selezionati sulla base delle professionalità richieste. In entrambi i casi un ruolo primario sarà svolto dai CTI che provvederanno alla preselezione del personale, a svolgere i colloqui necessari, a prestare la propria consulenza informativa, ad incrociare la domanda e l’offerta in considerazione delle professionalità richieste agevolando, altresì, la scelta dei candidati più idonei.

Per entrambe le linee di intervento sono previste agevolazioni per i datori di lavoro che vorranno aderire al progetto; ed infatti è previsto un contributo finanziario “una tantum” di €. 6.500,00 per ogni assunzione a tempo indeterminato inerente l’azione di reimpiego mentre un contributo finanziario “una tantum” di €. 4.000,00 per ogni assunzione effettuata a tempo pieno ed indeterminato conseguente ad un tirocinio formativo. In quest’ultima ipotesi, l’aspetto più interessante risiede nella reale possibilità di sbocco occupazionale per almeno uno dei tirocinanti impiegati.

Appare di tutta evidenza quindi l’importanza del progetto e la sensibilità ancora una volta dimostrata dell’Ente Provincia nei confronti di una problematica quale è quella della carenza occupazionale che assume caratteri ancora più preoccupanti in un contesto quale è quello, ben noto, della città di Taranto. Ulteriori informazioni in riferimento al progetto sono disponibili presso i Centri Territoriali dell’Impiego della Provincia di Taranto nonché sul sito della Provincia di Taranto www.provincia.taranto.it e di Italia Lavoro.