L'assessore regionale ai trasporti pubblici Loizzo hanno presentato i nuovi orari e i relativi potenziamenti delle tratte regionali in termini di nuovi treni e corse...

{affiliatetextads 1, category, _plugin}Si passa da 305 treni al giorno (feriali) nel 2007 a 317 nel 2008, con un incremento di km/giorno da 21.894 a 23.355.

Potenziati i servizi metropolitani di Bari, con aumento dei treni/km nel 2008 da 640mila a 898mila, aperta la “porta sud” di Torre a Mare, con nuove pensiline e binari (presto un parcheggio di interscambio) e nella primavera 2008 il metrò barese arriverà fino a Molfetta. Confermate le nuove vetture sul “diretto” Bari – Lecce (del tipo “Leonardo Express” già in servizio per Aeroporto Fiumicino, con 450 posti contro i 130 del “Minuetto” prima in servizio sulla stessa tratta). Sulla Le-Br-Ta si è passati da 2 treni a 6 al giorno, dal 27 dicembre arriva la “navetta” diretta Le-Br-Le. Novità anche per rinnovo, pulizia e decoro dei mezzi: l’ammodernamento, con 130 milioni di euro di spesa di cui 33 a carico della Regione, prevede una nuova flotta di vetture. Già nel 2007 sono arrivati 17 nuovi locomotori 464, moderni, veloci e affidabili. Entro il 2008 arriveranno i 15 treni “Vivalto” a due piani, con aumento confort e posti a sedere (+20%). In attesa dei nuovi treni, grandi pulizie e sanificazione (“grandi radicali” dal costo a carrozza di 2 mln euro) su 70 carrozze, 36 completamente rinnovate alla Omfesa di Trepuzzi: complessivamente trattate 124 vetture su 250 in circolazione. Entro il 2008 saranno trattate 225 carrozze su 250.

“Stiamo provando – ha detto l’assessore Loizzo - a vincere una sfida finora proibitiva: quella con il mezzo privato. Finora ci sono stati scarsi investimenti: adesso stiamo invertendo la tendenza. In Puglia la puntualità dei treni regionali Fs è già al 98% (miglior dato in Italia dopo la provincia di Trento), anche grazie alla scelta di puntare subito sui nuovi e affidabili locomotori 464. I pendolari saranno tutelati anche con il blocco delle tariffe per il 2008 e con la conservazione, a carico del bilancio regionale con una spesa di 4,5 mln di euro, dello sconto del 10% delle tariffe di abbonamento. Si tratta di concreti sussidi ai redditi familiari e al diritto allo studio”. Loizzo ha poi annunciato che nel 2007 le multe contestate a Trenitalia per disfunzioni, ritardi e pulizie sono state 125 per 250mila euro. “Ma – conclude Loizzo – il nostro obiettivo non è fare le multe, che pure servono per controllare i gestori del servizio, ma che i treni viaggino in orario, comodi e puliti”.