Domenica scorsa 11 Novembre 2007 un poliziotto spara ad altezza d'uomo (oramai è certo) e uccide un tifoso di 26 anni che stava dormendo in auto. Il perchè dello sparo non si sa, forse non aveva capito la situazione a aveva preso la zuffa tra 7 o 8 tifosi come una rapina e quindi ha cominciato (a suo dire) a sparare in aria. Tant'è che una persona innocente si è beccato un proiettile...
Nella sera tifosi con infiltrazioni (a detta del Capo della Polizia) fasciste assaltano caserme della PdS a Roma, a Milano e altrove si hanno tafferugli e devastazioni.

Comicamente "soggetti" politici quali Cicchitto (FI) vogliono sapere la verità sul perchè un ragazzo muore, incolpando il Governo e dimenticando che in realtà loro sono stati i primi a fomentare la Polizia contro i manifestanti del G8. Una sporca strumentalizzazione politica, sporca quanto il soggetto che l'ha pronunciata.

Tant'è che alla fine della giornata si hanno due punti fermi:

  • 1) è morto un innocente per mano di un poliziotto forse non veramente esperto come dicono o forse incazzato per fatti personali o forse dal grilletto facile

  • 2) gruppi di neofascisti infiltrati nelle tifoserie assaltano le caserme della Polizia di Stato, in stile "mini colpo di Stato". Solo nella Sud America degli anni 70 si vedevano queste cose

Il Capo della Polizia dice che in realtà hanno lasciato fare per non esasperare ancora di più gli animi e per evitare ulteriori morti, ma hanno comunque ripreso tutto con un efficace servizio di videosorveglianza, motivo per il quale nei prossimi giorni tutti quei fascistelli verranno presi e messi al fresco, magari con l'imputazione di TERRORISMO (qual'è a mio modesto parere).

Che ne pensate? Discutiamone sul FORUM