Ieri leggendo il Fatto Quotidiano sono rimasto abbastanza sbalordito da un articolo che riguardava un argomento importante che nessun altro media ha mai sfiorato: le fondazioni. Organizzazioni con fini lodevoli, democratiche e trasparenti che non dovrebbero avere nessun altro scopo se non quello di promuovere senza alcun ritorno economico ciò che contiene il loro Statuto. Ma approfondendo l'argomento ci si rende conto di quanto il nostro Paese sia caduto veramente in basso e di come talvolta il fantomatico "uomo della strada" abbia una qualche ragione: nella salvaguardia dei propri interessi non esiste destra o sinistra e se esiste, queste due anime vengono a patti.