AVETRANA - Militari della Guardia di finanza di Manduria hanno denunciato i titolari di due aziende di Avetrana e altre 7 persone, clienti e fornitori, con l'accusa di aver attuato, in differenti situazioni, complessivamente un'evasione fiscale per circa tre milioni di euro.
A quanto si è saputo, le indagini hanno accertato che una società operante nel settore del commercio di macchine operatrici edili e movimento terra, nel periodo d'imposta dal 2005 al 2010, ha sottratto a tassazione, ai fini delle imposte dirette e dell'Irap, base imponibile per oltre 1,2 milioni di euro ed evaso Iva per oltre 200.000 euro.

{affiliatetextads 1,,_plugin}Le Fiamme gialle hanno per questo denunciato per truffa aggravata l'amministratore della società, che avrebbe ottenuto indebitamente finanziamenti pubblici per 200mila euro, e altre due persone, accusate di aver emesso fatture per operazioni inesistenti. Sempre ad Avetrana, durante altre indagini, i finanzieri hanno scoperto che il titolare di una masseria ristrutturata adibita a ristorante e albergo, nel periodo d'imposta dal 2007 al 2009, ha sottratto a tassazione, ai fini delle imposte dirette e dell'Irap, base imponibile per oltre 100mila euro ed evaso Iva per oltre 11mila euro.

L'amministratore di quest' ultima società che gestisce l'attività alberghiera e cinque persone, tra fornitori e clienti, sono stati a loro volta denunciati per truffa. I finanzieri hanno accertato un' indebita erogazione di finanziamenti pubblici per circa 1,1 milioni di euro e l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per oltre 100mila euro.

(C) http://www.quotidianodipuglia.it/articolo.php?id=143278