Il Paganini della tromba”, il russo Sergei Nakariakov, il più famoso trombettista classico del mondo, sarà la guest star di “No Limit”, il prossimo concerto della XIX Stagione Concertistica “Eventi musicali” di Taranto dell’Orchestra ICO della Magna Grecia. Sergei Nakariakov si esibirà, lunedì 14 febbraio (ingresso ore 20.30 e inizio ore 21.00), al Teatro Orfeo di Taranto con l’Orchestra ICO Magna Grecia, diretta nell’occasione da Giovanni Pellegrini, un evento reso possibile grazie al sostegno di Lubritalia S.p.A. Questo concerto avrà un prologo nella giornata di domenica, 13 febbraio, quando allo stesso orario lo stesso concerto si terrà al Teatro Monticello di Grottaglie nell’ambito della stagione concertistica “Musica tra le ceramiche”.

Si tratta di una grande esclusiva: Nakariakov, che manca dall’Italia da oltre un anno, non ha mai suonato nel Meridione e lo farà con l’Orchestra ICO Magna Grecia in una tournée che in questi giorni toccherà anche Matera (martedì 15) e Molfetta (sabato 12).

“No limit”: sono senza limiti, infatti, le incredibili capacità tecniche e virtuosistiche di questo artista di livello internazionale, universalmente considerato come il più straordinario trombettista classico del mondo.

Nato nel 1977 in Russia, la storia di Sergei Nakariakov ha dell’incredibile: inizia a studiare il pianoforte all’età di sei anni, ma tre anni più tardi ha un incidente riportando una lesione alla colonna verticale che gli impedisce che stare seduto a lungo al piano.

{affiliatetextads 1,,_plugin}Inizia così a studiare la tromba, su consiglio del padre che la suonava a livello dilettantistico. Le sue eccezionali doti di virtuosismo tecnico emergono subito, tanto che a soli tredici anni viene già definito in Europa il “Paganini della tromba” e poi "il giovane stregone della tromba"; un anno più tardi, nel 1992, autentico enfant prodige a soli quattordici anni debutta trionfalmente al Festival di Salisburgo.

Pur avendo all’attivo innumerevoli incisioni discografiche, Nakariakov esprime il meglio di sé nelle esibizioni dal vivo nelle quali suona, rigorosamente a memoria, senza sbagliare una nota anche nei passaggi tecnicamente più difficili.

Narariakov è maestro assoluto in alcune tecniche del suo strumento, in particolare ha un velocissimo “staccato di lingua” ed esegue mirabilmente la cosiddetta “respirazione circolare” che, consentendogli di evitare la pausa per inspirare, gli permette di suonare brani scritti per gli archi senza dover interrompersi per prendere fiato: Nakariakov, infatti, è il primo trombettista nella storia della musica ad eseguire composizioni originariamente concepite per il violoncello.

Godibilissimo il programma del concerto “No Limit”: in apertura l’Orchestra ICO Magna Grecia, diretta da Giovanni Pellegrini, eseguirà la Sinfonia n.26 KV. 201 di Wolfgang Amadeus Mozart, una composizione giovanile del compositore salisburghese pervasa da uno spirito leggiadro che non trascura di mettere in evidenza i singoli strumenti.

{affiliatetextads 2,,_plugin}Il primo brano che eseguirà Sergei Nakariakov con l’orchestra sarà il Concerto per Corno e orchestra n.4 Kv. 495 di Mozart, che il grande solista russo eseguirà con un particolare flicorno a 4 pistoni che si è fatto appositamente costruire.

Il programma prosegue poi il Carnevale di Venezia, un brano con numerose variazioni composto da Jean Baptiste Arban in cui viene messo alla prova il virtuosismo del trombettista, una composizione che Nakariakov esegue come nessun altro al mondo.

Sarà la volta poi di “Hora staccato”, un brano virtuosistico composto per il violino da Grigoras Dinicu che Nakariakov esegue da par suo in una sua personalissima trascrizione per tromba. Il concerto si conclude con la “Aria sulla quarta corda” di Johann Sebastian Bach trascritta per tromba.

Informazioni e biglietti: Orchestra Magna Grecia, via Tirrenia n.4, Taranto (Tel. 099 7304422 - 7328884) e Basile Strumenti Musicali, via Matteotti n.14, Taranto (Tel. 099 4526853).