Toccherà ai giudici della Corte Costituzionale valutare l’ammissibilità o meno del quesito referendario con cui si chiede la costituzione della Regione Salento in fuga dalla Puglia. La Corte di Cassazione, nello specifico l’Ufficio Centrale per il Referendum, con la sua pronuncia di ieri pomeriggio ha preferito non deliberare nel merito della richiesta referendaria, ma piuttosto investire della questione i giudici costituzionali. L’ordinanza con le motivazioni dei giudici della Corte di Cassazione sarà pubblicata solo nei prossimi giorni, al momento dunque non è dato conoscere con esattezza né quali siano stati gli aspetti per cui si è ritenuta opportuna la valutazione della Corte Costituzionale, né tantomeno l’orientamento dei magistrati della Cassazione in merito alla richiesta «secessionista».