Non passa giorno senza che Letta Enrico (PD, nipote di Letta Gianni braccio destro di Berlusconi) attacchi personalmente Nichi Vendola additandolo come un populista, affibiandogli epiteti come "bluff mediatico" o indicandolo come un politico senza reale radicamento. La domanda che effettivamente noi popolo di sinistra ci chiediamo è una: ma questo Letta Enrico in realtà chi rappresenta e quali interessi ha da proteggere?

E' chiaro che ognuno può esprimere quello che pensa ma a questo punto è bene andare a definire per bene i puntini sulle i. Quali meriti ha avuto Enrico Letta per diventare sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con Prodi, deputato nominato un paio di volte e quasi segretario del PD meno L? Forse pensa per davvero che sarebbe diventato un deputato se non avesse avuto come zio il tal Gianni, potente uomo ombra di Berlusconi? Perchè Letta se è tanto sicuro di se non si misura in una elezione primaria con Nichi Vendola? Ha forse timore? Se crede di essere IL politico, stratega di professione, allora non penso possa avere timore di un mero bluff elettorale.

{affiliatetextads 1,,_plugin}Come fa questo uomo a dire ad un Presidente di Regione che non ha radicamento? Vorremmo ricordare che Vendola ha vinto dichiarandosi comunista in una Regione apertamente di centrodestra e lo ha fatto per ben due volte sbaragliando la famosa macchina elettorale di Fittiana Memoria. Allora caro PD è bene cominciare a fare un po di chiarezza. Il PD è un partito che spinge per un'alleanza di sinistra, di centrosinistra o di centrodestra?

In realtà la strategia di questa gente non ha portato a grosse vittorie e ha permesso all'Italia di subire ben 20 anni di berlusconismo togliendo futuro e lavoro a intere generazioni di giovani. E' bene che qualcuno cominci ad assumersi un po di responsabilità. Qual'è la strategia elettorale del partito di Bersani?

  • Fare forse un accordo da Fini a Ferrero con Casini Presidente del Consiglio?
  • Fare un terzo polo con Udc e FLI sperando che Sel supporti l'alleanza con un accordo di non belligeranza?
  • Fare un terzo polo con Udc e FLI in contrapposizione a Vendola?

Siate chiari per favore perchè noi sinceramente dalla direzione del PD della settimana scorsa sinceramente non ci abbiamo capito molto visto la ovvia conclusione di decidere, di non decidere nulla! Appunto.

Carissimi, la non belligeranza noi di sinistra l'abbiamo abbandonata da qualche anno, non ce ne staremo certi con le mani in mano a subire un nuovo Veltroni addirittura nipote di. Di strada ce n'è solo una, primarie di coalizione così come richieste anche dalla base del PD. Chi vince diventa candidato.