Su questi primi 180 giorni di attività amministrativa, si registra l’intervento del presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido. “Il ruolo delle opposizioni è alimento fondamentale della democrazia e per questo meritevole di assoluta considerazione e comprensione. Ciò premesso, specialmente in un periodo di così grave crisi per il sistema delle autonomie locali, non si dovrebbe mai scadere in pericolose semplificazioni. La minoranza sa che anche la nostra Istituzione, al pari delle altre Province italiane, ha visto precipitare lo stato delle finanze soprattutto a causa della crisi del settore auto che, com’è noto, con Ipt e la Rc, rappresenta una delle principali voci di entrata. La Provincia di Taranto nel 2010 ha incassato, in valore assoluto netto, una somma pari a quella dell’anno 2003. Solo che in questi sette anni sono lievitati tutti i costi base che hanno ulteriormente aggravato la situazione. A ciò bisogna aggiungere la costituzione della società Taranto Isola Verde che però pesa sulle casse dell’Ente molto meno degli 8 milioni di euro di cui tanto si parla.


Andrebbe infatti considerato solo il costo della stabilizzazione poiché in precedenza i lavoratori percepivano comunque un’indennità mentre le attività che ora cura Taranto Isola Verde venivano affidate in appalto esterno. Vorrei anche rilevare che ci siamo insediati ufficialmente il 6 luglio del 2009: la prima giunta provinciale si è tenuta nove giorni dopo ed il primo consiglio provinciale il 18 luglio. Se poi consideriamo agosto e dicembre, mesi nei quali l’attività amministrativa registra un calo significativo, possiamo affermare di essere al lavoro da solo 6 mesi. In questi 180 giorni, che l’opposizione bolla come inoperosi, abbiamo compiuto scelte importanti per l’edilizia scolastica, la manutenzione della rete stradale e lo sviluppo. Abbiamo risolto il contenzioso e riavviato i lavori per la costruzione del nuovo liceo scientifico De Ruggieri di Massafra; sono ripartiti i cantieri per il completamento delle scuole Sforza di Palagiano e Del Prete di Sava.

Abbiamo investito 300.000 euro per la messa in sicurezza della strada provinciale Mottola-Noci; abbiamo speso 375.000 euro per l’impianto di pubblica illuminazione con torri-faro sulla rotatoria Torricella-Maruggio all’altezza delle Cantine Giordano; proseguono gli imponenti lavori di ammodernamento e allargamento con ripristino di muretti a secco della strada Martina-Alberobello. E ancora: con l’assestamento di bilancio abbiamo attivato fondi e redatto progetti che ci hanno consentito di bandire gare per un importo complessivo di 500.000 euro. Questa somma sarà spesa nel dettaglio per le seguenti opere: rotatoria in località Madonna della Neve, a Palagiano, per una spesa di 150.000 euro; rotatoria all’incrocio tra le strade provinciali 141 e 142 sulla Manduria-Avetrana per un importo di 200.000 euro; 70.000 euro saranno spesi per la sistemazione dello svincolo sulla strada provinciale 23 Castellaneta-San Basilio mentre serviranno 80.000 euro per la sistemazione del manto stradale e la segnaletica orizzontale e verticale della provinciale che collega Altamura a Laterza. Se a questi aggiungiamo l’avvio del cantiere della Tangenziale Sud (Taranto-Talsano-Avetrana), un’opera da 60 milioni di euro, completamente finanziata nel corso della scorsa consiliatura, il quadro che si ricava di questi primi sei mesi di attività amministrativa appare sotto una luce alquanto diversa da quella che vuol far credere l’opposizione. Chiarito l’equivoco sul progetto Grande Salento, abbiamo proceduto alla registrazione del marchio territoriale “Terra Jonica Unica” che sta riscuotendo un incoraggiante apprezzamento.

{affiliatetextads 1,,_plugin}Sono ormai centinaia le imprese che tramite iscrizioni singole o nella forma di consorzi stanno chiedendo la concessione del marchio. Tra le tante cose realizzate, vorrei segnalare l’attività dell’assessorato al Lavoro per la redazione dei bandi per la formazione professionale ed il ruolo svolto dalla nostra Amministrazione nell’affrontare delicate vertenze come Miroglio, Jonica Latte e Teleperformance. Sarebbe per me facile proseguire illustrando l’ottimo lavoro svolto da tutti gli assessori i quali, pur operando in regime di dodicesimi, stanno compiendo scelte innovative e trasparenti nei vari settori di competenza. Sull’ambiente è il caso di ricordare che in qualità di Commissario ad acta ho adottato il Piano d’ambito dell’Ato1 per la gestione del ciclo dei rifiuti e della raccolta differenziata.

Per concludere, come ho già avuto modo di ribadire, stiamo per approvare il bilancio nei tempi e con le stesse modalità degli anni scorsi. Rivendico la titolarità di questa scelta che a mio modo di vedere consente di gestire in maniera oculata le risorse finanziarie a disposizione privilegiando comunque la programmazione e gli investimenti. Alla mia opposizione vorrei infine ricordare che l’Anci, l’Associazione nazionale dei comuni italiani, ha chiesto al ministero dell’Interno la proroga fino a maggio per l’approvazione dei bilanci sulla scorta di precise sollecitazioni al riguardo giunte da alcuni grandi comuni come Roma e Milano, notoriamente amministrate dal centrodestra. Sobrietà e misura devono sempre guidarci: continuerò, come ho sempre fatto, a rispettare le critiche dell’opposizione anche quando le argomentazioni poste evidenziano un atteggiamento che si avvicina più alla propaganda politica che alla verità dei fatti”.