TARANTO - La sezione distaccata di Taranto della Corte d’appello di Lecce (presidente Marsano, a latere Semeraro e Santella) ha condannato a quattro anni di reclusione ciascuno l’ex sindaco di Taranto Giancarlo Cito, leader del movimento At6-Lega d’azione meridionale, e l’ex dirigente comunale Vincenzo De Palma, accusati di concussione.
Secondo la tesi degli inquirenti, gli imputati avrebbero chiesto tangenti per la realizzazione del porticciolo turistico in località San Vito, alla periferia di Taranto. In un procedimento parallelo, per la stessa vicenda, erano stati già condannati due architetti, mentre un imprenditore ha patteggiato due anni di reclusione.



{affiliatetextads 1,,_plugin}Cito è accusato di aver ottenuto una tangente, mascherata da contratti pubblicitari stipulati con l’emittente televisiva Super 7, di 120 milioni di lire dal portavoce della Dirav, la multinazionale liberiana interessata al progetto del porto turistico. In primo grado l’ex sindaco fu assolto, mentre fu dichiarata la prescrizione (dopo la derubricazione del reato da concussione a corruzione) per l’ex dirigente comunale De Palma.

Cito ha già scontato quattro anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa ed è stato già condannato in appello a cinque anni e mezzo di reclusione perchè ritenuto colpevole di aver intascato tangenti per il rinnovo dell’appalto biennale concesso dal Comune ad una ditta di traslochi.

(C) Lagazzettadelmezzogiorno.it