http://www.myluxury.it/img/vinitaly.jpg"Il Vinitaly 2010 ha registrato per la Puglia numeri record - conferma con soddisfazione l'assessore alle Risorse Agroalimentare della Regione Puglia Dario Stefàno - rappresentando un punto di svolta nel processo di crescita intrapreso ormai da tempo. Abbiamo, infatti, ottenuto grandi successi sotto diversi aspetti: la comunicazione, ad esempio, ha visto oltre 80 giornalisti ospiti del nostro padiglione, con una serie davvero ragguardevole di servizi e articoli; il business, con oltre 100 buyers che hanno visitato gli stand dei nostri produttori, ma anche la parte convegnistica, con momenti di altissimo profilo come quello dedicato all'ambiente o l'appuntamento che ha visto protagonista l'enoturismo. Insomma, per noi è stato davvero l'anno del boom".

{affiliatetextads 1,,_plugin}Gli stessi produttori, spesso in passato critici, riconoscono l'impegno e il lavoro svolto dall'Assessorato e da Unioncamere Puglia, come pure dall'AIS, dal Movimento Turismo del Vino, da Onav e Slow Food, coinvolte in prima linea nell'operazione. Una sinergia che ha prodotto i suoi frutti, convincendo anche i visitatori a definire il padiglione della Puglia come il più bello e accogliente dell'intera kermesse veronese. Basti pensare al ristorante pugliese, ottimamente gestito dallo Slow Food regionale, che è diventato il punto di riferimento principale per i difficili palati dei giornalisti di settore. E a proposito di giornalisti è ormai diventato un modello preso a riferimento il "Taste & Press" , riuscitissima formula di incontri tra produttori e i più noti giornalisti dell'ambito enogastronomico: in questa edizione sono state 20 le importanti firme che hanno incontrato ben 140 vignaioli presenti nel padiglione, per quattro giorni di comunicazione ai massimi livelli.

"Crediamo di aver fatto davvero il meglio possibile - conclude l'assessore Stefàno - e i risultati lo confermano. Abbiamo raccontato a tutti, stampa, buyers, addetti ai lavori e semplici curiosi, la nostra storia. Una storia fatta di qualità, di tradizione, di accoglienza, di eccellenze e di passione. Una storia che ci rende unici, come unici sono i nostri vini. Una storia a cui in questi giorni abbiamo aggiunto un capitolo importante, nella consapevolezza che dovremo essere bravi nello scrivere i prossimi con altrettanta attenzione".

Fonte/Autore: Movimento Turismo del Vino Puglia