Nell'Italia dell'Umberto di Savoia e del Pupetto si è veramente perso il senso delle cose. Qualcuno sa spiegare, perchè mai il Governo in carica era in piazza a manifestare contro Di Pietro contro Bersani e contro i PM? Non mi pare che governino nè DI Pietro nè Bersani e nemmeno i PM che svolgono da sempre con imparzialità il loro lavoro. Forse qualcuno dirà che manifestano per le liste escluse del PDL in Provincia di Roma, ma allora con chi devono prendersela se non con se stessi? E' solo colpa loro se non si sono presentati in orario all'ufficio elettorale della Corte d'Appello. E sono nel torto visto che hanno perso sei o sette ricorsi al TAR nonchè, notizia di poco fa, il ricorso al Consiglio di Stato...

Ma si sa che in Italia i giudici sono tutti comunisti e probabilmente da ora sono comunisti anche quelli del Consiglio di Stato. Ma la domanda di fondo resta ugualmente, per cosa si è protestato? Tra la ministra Meloni che faceva la militante con il megafono (sembrava vera) e la banda che intonava faccetta nera è sfilato veramente il qualunquismo berlusconiano. Nessuna motivazione politica visto che anche il Consiglio di Stato gli ha dato torto, nessuna potivazione di protesta visto che governano coloro che hanno sfilato, nessuna motivazione ideale visto che di certo non sono all'opposizione.

{affiliatetextads 1,,_plugin}E allora? Diventa incomprensibile capirne le motivazioni se si mantiene un ragionamento logico e lineare. Se invece si ragiona in modalità berlusconiana invece tutto appare chiaro e limpido. Si manifesta per il solo gusto di osannare il proprio idolo, di ringraziare il dio in terra della sua esistenza, di abbracciare colui che li rallegra nella tristezza della vita quotidiana con il Tg1 di Minzolini, con il tg4 di Emilio Fede, con il Sanremo di Pupo e con la Maria De Filippi nazionale. Si manifesta per adorare la divinità berlusconiana che rappresenta a questo punto per forze di cose, colui che invidiano e che non potranno mai essere.