http://www3.consiglio.puglia.it/immagini/sede.jpgDopo la mancata riforma della legge elettorale decisa dal Consiglio regionale e la conferma che il 28 e 29 marzo si voterà con la soglia di sbarramento del 4 per cento, candidati presidenti e dirigenti dei partiti si sono messi al lavoro per preparare le liste che, secondo le previsioni di oggi, dovrebbero essere dodici: 5 per Vendola, 4 per Palese, 2 per la Poli Bortone e i per il candidato della sinistra alternativa Michele Rizzi. Ecco i nomi, molti ormai certi alcuni ancora in bilico, che circolano nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto.

CENTRODESTRA

Al fianco di Rocco Palese presidente saranno schierate quattro liste: Pdl, Lista del Presidente, Puglia Prima di Tutto e Popolari Udeur. Nel Salento, anche grazie al particolare sostegno del ministro per le Regioni, Raffaele Fitto, il capogruppo del Pdl punta a fare il pieno. Insieme con i consiglieri uscenti, a partire dal braccio destro del sottosegretario all’interno, Alfredo Mantovano, Saverio Congedo, saranno della partita gli assessori comunali di Lecce, Roberto Marti, e Fiorino Greco, il vicesindaco Gianni Garrisi e gli assessori provinciali Bruno Ciccarese ed Ernesto Toma. In lista ci sarà anche Antonio Barba, nipote del parlamentare Vincenzo. Con La Puglia Prima di Tutto si candiderà Andrea Caroppo, figlio del consigliere uscente Gino, e il consigliere provinciale Mino Frasca, che nei giorni scorsi ha abbandonato l’Udc, e l’uscente Mario Vadrucci, presidente provinciale di Confartigianato. Nella Lista del Presidente dovrebbero trovare posto, tra gli altri, il leader di Alleanza Puglia, Antonio Buccoliero, e il sindaco di Scorrano Mario PendineLli. Ma anche il leader dell’associazione Salento Europa, Fabrizio Camilli.

A Brindisi squadra già fatta per il Pdl a partire dagli uscenti Marcello Rollo e Giuseppe Marinotti; in campo anche i consiglieri provinciali Nicola Ciracì e Antonio Scianaro e il vicecoordinatore provinciale del partito Maurizio Friolo. Si lavora a riempire e rafforzare le altre liste del centrodestra. Con la Puglia Prima di Tutto dovrebbero esserci Danilo Crastolla e Franco De Biasi, di Carovigno. A Taranto sarà sicuramente candidato con la Lista del Presidente Mario Cito, figlio dell’ex sindaco Giancarlo. Nel Pdl ionico presenti quasi tutti gli uscenti, a partire dal presidente della Commissione Affari istituzionali Gianfranco Chiarelli. Fuori, Invece, Nicola Tagliente, che non intende ricandidarsi. Saranno in lista l’avvocato Arnaldo Sala (vicino al deputato Pietro Franzoso) e l’ex parlamentare di Forza Italia Giuseppe Lezza.

Qualche nome nella Lista del Presidente verrà segnalato dal movimento Noi Sud, guidato in Puglia da Luciano Sardelli, ormai lontano dal governatore siciliano Raffaele Lombardo.

{affiliatetextads 1,,_plugin}CENTROSINISTRA
A sostegno di Nichi Vendola dovrebbero esserci 5 liste: la Lista del presidente; Sel (Sinistra, libertà, ecologia); Pd, Italia dei Valori, Federazione della sinistra (Pdci, Rifondazione comunista, Socialismo 2000). Nel Salento, la Lista Vendola sarà guidata dall’assessore all’Agricoltura uscente Dario Stefàno, in precedenza dato vicino all’Udc. In campo con la Sel, grazie ad un accordo politico, ci sarà il consigliere uscente socialista Donato Pellegrino, e Marco Potì, figlio dell’ex parlamentare Damiano. Un posto in lista anche per Donato Margarito. Anche a Brindisi con Sel ci saranno i candidati del Psi: potrebbe essere della partita Vincenzo Guadalupi. Candidati anche Toni Matarrelli (coordinatore provinciale) e Ada Spina. A Taranto Sel metterà in campo Cosimo Borraccino (uscente, ex Pdci) Alfredo Cervellera (vice sindaco), l’assessore provinciale
Franco Gentile, mentre è incerta la presenza dell’ex deputato Donatella Duranti.

Nella lista del Pd del Salento insieme ai consiglieri uscenti ci saranno il segretario regionale Sergio Blasi, l’ex parlamentare Antonio Rotundo, il vicepresidente della giunta regionale Loredana Capone, l’ex sindaco di Casarano Remigio Venuti. Il partito è alla ricerca di altre donne da affiancare alla Capone. Possibile la candidatura di Carlo Salvemini, ormai fuori dal Pd, con la Lista del Presidente.

A Brindisi con gli uscenti (Enzo Montanaro, Enzo Cappellini e Giuseppe Romano) è certa la candidatura dell’assessore regionale Fabiano Amati e dell’ostunese Giovanni Epifani (area Emiliano). Si aggiungeranno due donne: Valentina Maciullo (di Francavilla) e una brindisina tra Sonia Rubini e Tiziana Brigante. A Taranto insieme con gli uscenti (non si ricandida Luciano Mineo) l’ex segretario regionale Ds, Michele Mazzarano.

L’Italia dei Valori a Lecce si affiderà tra gli altri a Carlo Madaro, Sabrina Sansonetti (commercialista di Lecce) e all’ex sindaco di Vernole Nando Pedaci. In pista con l’Idv anche il consigliere regionale Aurelio Gianfreda. A Brindisi sono già schierati Nicola Massari e l’ex sindaco di San Vito Lorenzo Caiolo. A Taranto con i dipietristi ci saranno Antonio Martucci, Emanuele Fisicaro e la preside del liceo classico Silvana D’Addario.

La Federazione della Sinistra a Lecce partirà dal capogruppo di Rifondazione comunista alla Regione, Pietro Manni, e dal segretario regionale del Pdci, Giuseppe Merico. A Brindisi ci sarà l’uscente Pietro Mita.

CENTRO
Lo schieramento di Centro, salvo sorprse, scenderà in campo con due liste (Udc e Io Sud) a sostegno del candidato presidente Adriana Poli Bortone. Certa nel Salento per Io Sud la candidatura di Angelo Tondo (da sempre braccio destro della Poli) insieme all’ex sindaco di Specchia Antonio Lia. L’Udc dovrebbe mettere in lista, tra gli altri, il neretino Rino Dell’Anna e l’ex sindaco di Maglie Francesco Chirilli. A Brindisi la lista unitaria Udc-Io Sud dovrebbe vedere schierato per il movimento della Poli Bortone l’ex presidente della Provincia Nicola Frugis. In quota all’Udc ci saranno sicuramente l’ex senatore di An, Euprepio Curto, l’assessore provinciale Vincenzo Ecclesie e Raffaele Iaia. E' probabile la candidatura di Angela Matarrese, ora consigliere comunale a Ostuni. Per Io Sud ci sarà l’assessore provinciale Natale Curia. A Taranto insieme al capogruppo in Consiglio regionale Antonio Scalera ci saranno con ogni probabilità i consiglieri comunali tarantini Mimmo Festinante e Massimiliano Stellato, l’avvocato Mimmo Romano (Grottaglie). La definizione della liste, tra gli altri argomenti (e non solo per Taranto), è stata al centro del confronto tenuto ieri a Roma tra il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, il segretario Lorenzo Cesa e Angelo Sanza con i segretari provinciali.

Data: 10/02/2010. Fonte Notizia: Adelmo Gaetani, Nuovo Quotidiano di Puglia