Considero importante e paradigmatico il ruolo svolto da Gianni Florido, Giovanni Pellegrino e Michele Errico perché hanno dimostrato che i localisimi si possono superare in nome di un’idea di sviluppo partecipata e basata su progetti integrati e coerenti con la programmazione regionale e le vocazioni del territorio".
Così il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha commentato il lavoro comune avviato un anno fa dai tre presidenti di Provincia di Taranto, Lecce e Brindisi...

per potenziare l’assetto infrastrutturale ionico-salentino. Nel marzo scorso, com’è noto, i tre rappresentanti istituzionali sottoscrissero un apposito protocollo di intesa con il quale venivano elencati, con i relativi impegni di spesa, le opere da realizzare per far diventare la Puglia meridionale la piattaforma logistica di tutto il Sud.
Questa mattina, a Palazzo del governo, quel protocollo di intesa è stato ratificato anche dal governatore pugliese che ha così ufficializzato l’impegno della Regione Puglia, pronta, nell’ambito dei fondi strutturali relativi al periodo 2007-2013, a finanziare questi interventi. L’investimento complessivo ammonta a oltre trecento milioni di euro. Obiettivo dichiarato: migliorare il livello di efficienza della mobilità interprovinciale e regionale favorendo il collegamento di tutta l’area del Grande Salento alle due dorsali ionica e salentina e quindi all’aeroporto brindisino e ai porti di Taranto e Brindisi. Dall’idea al progetto, il Grande Salento prende quindi corpo partendo proprio dalle infrastrutture.
Per la Provincia di Taranto, particolare rilievo assume la realizzazione della strada litoranea interna, la cosiddetta Regionale 8 che collegherà Taranto ad Avetrana passando per Talsano. Serviranno 146 milioni di euro, 60 sono già nella disponibilità della Provincia ionica. Ma in programma c’è anche il potenziamento della direttrice viaria Francavilla Fontana-Manduria Mare per una spesa prevista di quasi 25 milioni di euro.
"Fare sistema è possibile per accrescere la competitività del nostro territorio – ha commentato il presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido. La Regione Puglia ha creduto in questo percorso che abbiamo avviato quasi un anno fa, a testimonianza di un metodo vincente che premia la concertazione e la visione di insieme. Progetti integrati, insomma, per favorire lo sviluppo e superare miopi localismi che non fanno il bene della Puglia e della nostra gente".
"Altro che enti inutili - ha tenuto a sottolineare il presidente Vendola – le Province fungono da raccordo tra i comuni e le Regioni per dar voce alle esigenze dei territori ma in una prospettiva di sviluppo di area vasta". Alla cerimonia di questa mattina hanno preso parte, oltre al presidente della Regione Nichi Vendola e ai presidenti Florido, Errico e Pellegrino, anche numerosi consiglieri regionali ed esponenti della giunta provinciale.

http://www.provincia.ta.it