I pendolari, coloro i quali sono costretti per lavoro o per necessità a muoversi utilizzando i mezzi pubblici, sono una folta schiera di cittadini perennemente insoddisfatti. Snervanti ritardi, imbarazzanti condizioni igieniche, pessima manutenzione delle carrozze sono i problemi che i passeggeri, abituali e non, sono costretti a fronteggiare quotidianamente. Che talvolta si possa imputare la colpa del cattivo stato del treni ai fruitori, specie quelli più giovani, è vero. Ma in questi anni un trend negativo si è andato progressivamente affermando. 


Ce lo conferma Mario Loizzo, Assessore ai Trasporti: “Per sanare la situazione abbiamo dovuto affrontare il monopolio dell’impresa di pulizia che per anni ha ottenuto l’appalto, ma che si rivelata scarsamente efficiente. Adesso il vincitore del nuovo appalto è una ditta tedesca, la Dussmann, straordinaria a livello europeo, che assicurerà treni lucidi grazie a nuovi metodi di pulizia.”

Sembra quindi che si possa dare il benvenuto ad una nuova era della pulizia, un’era in cui i treni saranno sempre puliti, e questo sarà verificabile da una carta dei servizi. Quest’ultima, obbligatoriamente esposta su ogni treno, darà conto dei {affiliatetextads 1,,_plugin} lavori di igienizzazione effettuati quotidianamente. Naturalmente, rassicura Sabrina De Filippis, direttore del Trasporto Regionale di Trenitalia, verranno effettuati dei sopralluoghi periodici per assicurarsi che le norme vengano rispettate: “I dipendenti della ditta sono stati messi nelle migliori condizioni di lavoro, da meno di una settimana sono iniziati i lavori di ripulitura e già si vedono i primi risultati.” Nuovi tempi iniziano per i habitué del trasporto regionale.
“Lavoreremo e veglieremo perché gli standard di confort e pulizia siano garantiti – afferma Loizzo – e affinché queste nuove direttive durino nel tempo. Ad oggi poi è particolarmente importante garantire la salubrità degli ambienti per contenere i rischi di contagio, specie quando sempre più si diffonde il virus dell’influenza H1N1. E’ anche per questo che i lavori di pulizia saranno effettuati negli ambienti della stazione, oltre che all’interno dei treni.”
In corso è poi la ristrutturazione di gran parte delle carrozze. Le più fatiscenti sono state sottoposte a lavori di restauro, per renderle nuovamente utilizzabili e vivibili. Entro il 15 novembre è previsto l’arrivo di un convoglio di carrozze ristrutturate, che sono poi quelle che, come dice Loizzo “ci erano state rifilate dalla Lombardia”. Sembra, ad un primo indice di gradimento dell’utenza, che il consenso sia positivo.

Sul finale Loizzo ci tiene anche a ricordare: “C’è una grande differenza tra i treni regionali e quelli a lunga percorrenza. I regionali di competenza del Governo Regionale pugliese sono stati oggetto di rimodernamento grazie ad uno stanziamento di fondi, e sono ad oggi i più puntuali d’Italia. Ma so bene che le condizioni di alcuni treni a lunga percorrenza siano tuttora inaccettabili. Ci tengo a precisare però che questo tipo di treni non è di nostra competenza, quindi il fruitore non deve esporre alla direzione regionale le sue lamentele.”
L’efficienza della nuova impresa di pulizia è stata dimostrata alla stampa sul binario 1 Ovest: nuovi macchinari e nuovi mezzi di ripulitura verranno utilizzati sia per gli interni che per mondare l’esterno delle carrozze.
Il risultato dell’indagine di gradimento dei passeggeri sulle nuove, lucenti carrozze è positivo per il 98%. Provare per credere.

Claudia Attolico - Barilive.it