http://www.repubblica.it/2009/03/sezioni/politica/congresso-pdl/intervista-verdini/ansa_15416201_50510.jpgE' da Novembre circa che si susseguono scandali e oramai neanche i tg di Minzolini sono più sufficienti a mascherare la situazione. Si parte dall'autunno quindi con l'arresto, se ricordate, della moglie dell'on. Abelli tal assessore provinciale a Padova Rosanna Gariboldi incastrata per riciclaggio di milioni di euro ed uscita dal carcere in Gennaio dietro patteggiamento della pena e ora agli arresti domiciliari. Si passa poi al mitico Prosperini, l'assessore regionale lombardo difensore della padanità minacciata dagli islamici e dalle checche che tra tutte le cose di cui è accusato spunta anche addirittura secondo alcune fonti il traffico di armi con l'Eritrea per poi arrivare alla volpe Pennisi, consigliere comunale a Milano presidente della Comissione Urbanistica filmato mentre intasca migliaia di euro di tangenti e quindi diciamo, indifendibile dalla solita voce anti magistrati giustizialisti e giacobini che si leva appena uno del pdl viene pescato con le mani nella marmellata...

Ma la faccenda delle tangenti, del malaffare e dei favori malcelati non cenna a rientrare. Oramai siamo in pieno scandalo democratico che seppur nei TG è trattato come un affare straordinario e circoscritto è in realtà un affare che investe in pieno il pdl e i suoi politicanti. Come dimenticare le numerose inchieste sul G8, sui grandi eventi e sul terremoto che nella loro complessità vedono indagati Bertolaso (sottosegretario alla presidenza del consiglio), il suo ex vice, l'ex procuratore aggiunto di Roma Achille Toro, Anemone, Balducci ex provveditore alle opere pubbliche, Denis Verdini coordinatore nazionale del Pdl, Claudio Scajola (ex ministro allo sviluppo economico) che tra le altre cose si è scoperto che riceveva "favori immobiliari".

Anemone, che assieme a Balducci fanno parte di quella che i magistrati chiamano "la cricca di banditi", praticamente secondo le attuali ricostruzioni regalava appartamenti, ristrutturazioni ed altri favori legati agli immobili per poter ricevere nel corso degli anni appalti pubblici in qualsiasi campo, dagli appalti per il terremoto dell'Aquila agli appalti per il G8, grandi eventi e quant'altro. Chiaramente tutto in procedura straordinaria sotto l'attento controllo della protezione civile visto che oramai l'ente per la gestione delle emergenze era diventato un ente da utilizzare a piacimento per la gestione e il controllo di affari in realtà ordinari come ad esempio l'organizzazione dei mondiali di nuoto. Perchè? La risposta è ovvia, agendo su un campo fittizio di straordinarietà ci si poteva fare beffa delle normali norme legate agli appalti e si aveva quindi una discrezionalità molto elevata legata anche alle cosiddette gare segrete o con gli affidamenti diretti.

{affiliatetextads 1,,_plugin}Un unico filone quello di Anemone che collega come un filo di arianna tutto lo squallore della politica italiana che sta emergendo in questi mesi. Un sistema ed un apparato di potere che si fa beffa del libero mercato e delle regole destinate ai poveri fessi, composto da magistrati, giornalisti, imprenditori, politici, servizi segreti, alti funzionari della guardia di finanza ed alti prelati del Vaticano. Di tutto di più quindi ed ora che Anemone sta cominciando a parlare, perchè si sa che poi messi in galera queste persone abituate al lusso reggono poco, si sta scoperchiando un sistema non democratico di gestione della cosa pubblica. Ma non finisce qui, nella rete di Balducci qualche ruolo sembra lo abbia avuto anche Lunardi, ex ministro che è stato tirato in ballo dall'ex autista proprio di Balducci. Ancora, anche l'attuale Ministro alla cultura Sandro Bondi è stato tirato in ballo per gli appalti agli Uffizi. Poi qualche giorno fa è stato fatto il nome anche del fedelissimo del ministro alle infrastrutture Altero Matteoli. Ercole Incalza secondo i giornali avrebbe ricevuto un assegno di 520.000 euro. Ma gli indagati del PDL per altre faccende sono molti, ricodiamo tanto per fare qualche nome che risulta indagato per ricettazione Cicchitto capogruppo pdl alla Camera e, notizia di oggi, anche il Presidente della Regione Sardegna Ugo Cappellacci per affari legati agli appalti eolici. Nemmeno a dirlo, qui risultano implicati anche Anemone e Denis Verdini.

 

fonti

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2010/05/09/visualizza_new.html_1790313515.html

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=101268&sez=HOME_INITALIA&ctc=20

http://www.repubblica.it/politica/2010/05/13/news/pi_di_400_nomi_vip_ecco_la_lista_anemone-4026164/

http://www.unita.it/news/98492/lunardianemone_una_lunga_storia_di_incarichi_e_appalti_grandi_eventi

http://notizie.tiscali.it/articoli/cronaca/10/02/11/intercettazioni-telefoniche-bertolaso.html

http://www.altreconomia.it/site/fr_contenuto_detail.php?intId=2046

http://www.repubblica.it/politica/2010/05/12/news/anemone_assegno_di_520mila_euro_per_il_braccio_destro_di_matteoli-3999942/

http://www.repubblica.it/2009/08/sezioni/politica/caso-cicchitto/caso-cicchitto/caso-cicchitto.html