http://www.lastampa.it/redazione/cmssezioni/politica/200805images/scajola.jpgNon si sa ancora cosa aspetti il ministro Scajola a trarre le conclusioni e a presentare le sue dimissioni visto che la sua storia non sta proprio in piedi. Non è possibile che nel 2004, in pieno boom del mattone e con i palazzinari che scalavano il Corriere della Sera il prezzo di una casa di 180 metri quadri vicino al colosseo era di soli 600.000 euro. Il ministro ha dichiarato di aver acceso un mutuo di 600.000 euro per far fronte al costo della sua casa, che testuali parole, era al prezzo di mercato. Ma vediamo qual'è il prezzo di mercato di una casa vicino al colosseo ora a Roma, sottolineando tra l'altro che attualmente il prezzo al metro quadro è notevolmente diminuito in quanto non stiamo un periodo particolarmente adatto per gli investimenti sul mattone...

Seguendo un link http://case.trovit.it/vendita-casa-roma-colosseo è facile verificare che:

{affiliatetextads 1,,_plugin}colosseo/colle oppio - via nicola salvi bonito casa propone in vendita in elegante palazzina d`epoca, appartamento 100 mq - piano 4°con ascensore. ampio ingresso salone 2 camere cucina + tinello bagno e ripostiglio. riscaldamento autonomo. salone e camere affacciano direttamente su colle oppio con vista colosseo. euro 1.600.000. cod.22/09

COLOSSEO/COLLE OPPIO - Via Nicola SALVI -  BONITO CASA propone in vendita in elegante palazzina d'epoca immobile 100 MQ piano 4° con ascensore. Ingresso soggiorno 2 camere cucina con tinello bagno ripostiglio.
Vista panoramica su Colosseo. Attualmente locato con contratto fino al 2012 al canone annuale di Euro 22.800.
EURO 1.600.000

COLOSSEO: Codice annuncio: 93587433 Rif.: 1249785 -(51297523) Data: 26/02/2010 4 locali 2 Bagni
130 mq Cucina Abitabile - 1.100.000 euro (http://www.casaclick.it/vendita/Lazio/Roma/A1-Roma-93587433.html)

Quindi questi semplici dati, da tutti verificabili mettono in evidenza che Scajola dice solo una bugia in quanto il prezzo di 180 metri quadri nel 2004 non poteva essere di 600.000 euro. Quindi diventa abbastanza credibile il fatto che quattro persone dicono che sono stati pagati 900.000 euro da parte di un terzo. Si parla di Anemone, uno coinvolto nello scandalo G8, Protezione Civile e chi più ne ha più ne metta