Più passa il tempo e più ci si rende conto che la politica di gestione degli extracomunitari portata avanti dalla Lombardia Formigoniana e dalla Milano Pdl-leghista non ha prodotto alcun risultato positivo. Il vocabolario utilizzato dai leghisti è sempre lo stesso, "via gli extracomunitari dalla Lombardia", "tolleranza zero", "padroni a casa nostra" e "non vogliamo gli islamici e le moschee". Un vocabolario che in teoria dovrebbe portare ad una politica di rigore ed ordine pubblico ma che in realtà ha portato odio e di conseguenza disordine pubblico. E' necessario un cambio di rotta, di pensiero e di azione. Tutti si devono rendere conto che la loro politica è fallita, a partire dall'assessore regionale lombardo Prosperini che si dichiarava condottiero padano contro l'invasione islamica e poco tempo fa arrestato poi per traffici illeciti con la Somalia e tangenti, fino ad arrivare all'ultimo militante leghista...

Un fallimento sotto tutti i punti di vista. Sotto l'aspetto umanitario e solidale, sotto l'aspetto lavorativo ma anche e soprattutto sotto l'aspetto della sicurezza e della legalità. Proprio loro che si dicono pronti a difendere l'ordine pubblico sono in realtà complici del grande trambusto che periodicamente si sviluppa a Milano e nelle altre città del Nord Italia. E' accettabile che in Italia, nel 2010 un gruppo di immigrati metta a ferro e fuoco un quartiere? E' accettabile che l'ordine pubblico venga così scavalcato e beffato proprio in quella città simbolo del rigore leghista? No che non è accettabile.

{affiliatetextads 1,,_plugin}Da 20 anni governano Milano, negli ultimi 15 anni per ben 9 anni sono stati al Governo Nazionale e da ben 15 anni governano la Regione Lombardia. E di chi sarebbe la colpa di tutto quello che ieri gli extracomunitari hanno provocato a Milano? Ma della sinistra ovvio. Non è certo colpa della loro propaganda che va bene per gli spazi televisivi di Minzolini e Fede ma che certo non ha alcun risvolto pratico, perchè è oramai oggettivo e conclamato che la politica leghista del "celodurismo" si è dimostrata per quello che è: un fallimento epocale.

Non basta mettere un sindaco leghista a Lampedusa per risolvere il problema, non basta dire parolacce contro le orde islamiche affinchè si possa gestire questa situazione. Ci vuole ben altro, ci vuole testa ed intelligenza. Cose che, lasciatemelo dire, a destra da un po di tempo latitano.

Noi abbiamo una buona esperienza sulle politiche destinate ai migranti. La Regione Puglia ha messo a disposizione fondi per la lotta al caporalato, per la lotta allo sfruttamento, per l'integrazione visibile grazie ad agevolazioni e finaziamenti sugli affitti e sulle assunzioni, grazie alle cure ospedaliere di diritto assegnate alla persona in quanto tale piuttosto che al cittadino con nazionalità. Noi abbiamo una esperienza che può essere utile in tutta Italia. Dateci uno sguardo, potrebbe servire anche a voi, cari e inutili leghisti.

http://www.nichivendolapresidente.org/index.php/la-regione-per-le-famiglie/383-maroni-vorrebbe-monitorare-la-puglia-non-sapendo-che-sono-cinque-anni-che-la-giunta-lavora-per-i-migranti