Sembra incredibile ma anche questo succede nell'Italia di oggi. Vi ricordate lo scandalo delle navi radioattive affondate nel Mediterraneo e più specificatamente quella al largo delle coste Calabresi dove si intravedeva addirittura un teschio da un oblò? Bene, quello che stiamo per raccontare ora ha dell'incredibile...

http://cronaca.tanterisorse.com/wp-content/uploads/2009/10/stefania-prestigiacomo.jpg

Dopo l'estate scoppia quindi il caso delle navi radioattive con una prima attività esplorativa condotta dal sig. Riccardo Bocca, pilota del Rov - Remotely Operated Vehicle, il congegno meccanico dotato di telecamera per l'esplorazione dell'ambiente sottomarino - che il 12 settembre scorso scese a 470 metri per verificare se nelle stive di quello scafo c'erano o no dei bidoni sospetti. E secondo la sua indagine scaturisce che fosse appunto una nave recente piena di fusti affondata apposta per far sparire materiale radioattivo non facilmente gestibile.

{affiliatetextads 1,,_plugin}Qualche giorno fa arriva la nave oceanografica pagata dal Governo per fare luce sulla vicenda e probabilmente per offrire la verità di comodo che di volta in volta viene propinata agli italiani. Bene tra un commento e http://www.wlfclub.it/wp-content/uploads/2007/12/michela_vittoria_brambilla_2.jpgl'altro la Ministra Prestigiacomo, che tutto potrebbe fare tranne il ministro per l'ambiente, auspicava che l'indagine si concludesse nel periodo più breve possibile visto che costava 40.000 euro al giorno. Strano che tali auspici non vengano rivolti anche alle Brambille di turno che si fanno prendere da casa con la macchina blu per farsi portare a lavoro pagando con i soldi nostri e altrettanto strano è che tali auspici non vengono rivolti verso il Capo del Governo e i suoi degni ministri che amano volare da una parte all'altra dell'Italia con gli aerei di Stato in barba alla casta e alla spesa pubblica.

Comunque sia come era facile aspettarsi esce la verità di comodo che salva la 'Ndrangheta e il Governo, la nave calabrese che tanto scalpore fece, è una nave passeggeri affondata nel 1917. Tutti felici e tutti allegri per il pericolo scampato e per i soldi risparmiati. Bene, oggi 6 Novembre 2009 l'Espresso pubblica il resoconto invece del pilota del ROV che fece la prima immersione confermando che in realtà la nave governativa ha detto una bufala visto che si è scostata parecchie miglie dal punto in cui c'è la nava radioattiva e visto che le misure della vecchia nave non corrispondono a quanto lui ha visto. Conferma inoltre la stiva piena di bidoni tanto che "neppure i pesci riuscivano a passarvi".

Bene, tutti felici e contenti là nel Governo, ma a noi rimane una nava radioattiva e chissà quante altre. Che vergogna ministro!