«Come Tangentopoli». Basterebbero queste due parole, massi pesantissimi, a dare l’idea dell’impatto degli arresti compiuti ieri nei riguardi di due funzionari della Provincia di Venezia e di cinque imprenditori veneti. Se poi si aggiunge l’ormai inevitabile «escort», il quadro è compiuto. La Guardia di finanza ha chiamato l’operazione «Aria Nuova», ma la vicenda, in realtà, odora di vecchio, di marcio. Viaggi, cene ed escort in cambio di appalti, con mazzette da 5 milioni di euro, ma il giro potrebbe sfiorare i 20 milioni. Tangenti al 3 per cento versate per il 90 per cento dei cantieri nel veneziano dal 2006 al 2008.

Read more ...

Il caso Ruby – Berlusconi sembra abbia lanciato una nuova tendenza tra i politici italiani, quella di informarsi sul magico mondo delle escort. Infatti, un deputato del Pdl è stato beccato mentre sfoglia un sito porno sull'iPad durante il dibattito alla camera sulla fiducia al Ministro Sandro Bondi. ( Video Deputato del Pdl guarda escort su iPad )

Il settimanale 'Oggi' aveva pubblicato le immagini senza mostrare il vero volto dell'uomo, ma è bastata la diffusione sul web di queste foto per capire che si trattava di Simeone Di Cagno Abbrescia, ex sindaco di Bari. Il politico si è difeso non negando l'accaduto, bensì giustificando il 'fattaccio' come un momento di svago: 'In un momento di stanca del dibattito, ci siamo distratti scambiandoci l'iPad. Non ne facciamo un dramma, era una goliardata'.

Read more ...

Marta Di Gennaro, ex vice di Guido Bertolaso alla Protezione civile, e il prefetto Corrado Catenacci, ex commissario ai rifiuti della Regione Campania, sono stati arrestati nell'ambito di un'operazione per reati ambientali eseguita in varie zone d'Italia dai carabinieri del Nucleo operativo ecologico (Noe) e dalla Guardia di finanza di Napoli, coordinata dalla procura della Repubblica di Napoli. Ai due è stato concesso il beneficio degli arresti domiciliari. Nella stessa operazione sono state arrestate altre dodici persone.

Read more ...

Nel chiedere alla Camera di sollevare il conflitto di attribuzione, il membro della Giunta del Pdl Maurizio Paniz ha esposto la tesi che competente sull'inchiesta non può essere il tribunale di Milano bensì il Tribunale dei ministri, dal momento che Silvio Berlusconi avrebbe agito per motivi istituzionali quando si è mosso per Ruby fermata dalla questura di Milano, pensando che fosse la nipote del presidente egiziano Hosni Mubarak.

Era il Luglio scorso quando un consigliere provinciale del Pdl Romano finì in ospedale per abuso di cocaina durante un festino con trans, si trattava di un certo Paolo Zaccai che si era messo addirittura a fare un comizio notturno affanciandosi al balcone in preda ad evidenti deliri. Mentre Martedì 18 Gennaio 2011 un altro uomo del Pdl romano che ricopre il ruolo di consigliere comunale con delega al "decoro" e notoriamente vicino sia ad Alemanno che al Presidente del Consiglio ha ricevuto la visita degli investigatori che gli hanno notificato un avviso di garanzia firmato dal pm Paolo Ielo per "riciclaggio, reimpiego di proventi frutto di reato, corruzione, cessione di sostanze stupefacenti in occasione di festini con prostitute". Stiamo parlando di Francesco maria Orsi.

Read more ...

Oramai è ufficiale, Silvio Berlusconi Premier Italiano e Presidente del Consiglio oramai da venti anni è indagato per concussione e sfruttamento della prostituzione minorile, assieme ad Emilio Fede e Lele Mora. Una notizia che in tutto il mondo avrebbe dovuto far dimettere all'istante Premier e Governo, in Italia passa per la solita ragazzata del Presidente del Consiglio e i ministri non ci pensano nemmeno a dimettersi benchè nessuno di esso si sia lasciato sfuggire qualche dichiarazione in merito alla faccenda. Ma Berlusconi non è l'unico indagato, nei guai ci sono anche Lele Mora ed Emilio Fede che rappresentano l'insieme del contesto sociale dominante in italia dalla fine degli anni ottanta ad oggi.


Read more ...

Il giornale Secolo XIX riportava nella prima pagina di ieri la geniale idea del Ministro della Difesa La Russa che consisteva in un anticipo di Sanremo da tenersi in Afghanistan portando le sempre richieste Belen e Canalis proprio ad Herat, là dove si combatte e purtroppo si muore. E' facile immaginarsi il trionfo di telecamere e la retorica del Ministro assieme alle interessanti dichiarazioni delle veline propinate in prima pagina dal MinzoTG. Il fato ha però voluto che un italiano perdesse la vita nel luogo che effettivamente il Ministro considera un cabaret e il tutto è logicamente sfumato.

Read more ...

Più passano i giorni più si delinea un quadro raccapricciante. Le intercettazioni parlano abbastanza chiaro, almeno quelle pubblicate dai giornali. Si evince come la escort Ruby abbia infatti ammesso che il Presidente del Consiglio sapesse della sua minore età ma che aveva in un primo momento negato tutto per "salvaguardarlo", ma attenzione la salvaguardia non era che un altro modo per permettere alla giovane marocchina di ricevere ulteriori risorse finanziarie. "Frequento casa sua da quando ho 16 anni" è la frase bomba da Ruby ripetuta al telefono che mette definitivamente nei guai il Presidente del Consiglio.

Read more ...

Anche oggi l'edizione delle 13.30 del Minzolini TG ci ha deliziato con la propaganda e le notizie perfettamente inutili. Innanzitutto una radiosa giornalista ha commentato le notizie dell'ISTAT (ente notoriamente comunista) sul tasso di disoccuapzione mai così alto dal 2004. Ma a sentire il TG ci è parso di capire che si tratti alla fin fine di un dato positivo addirittura al di sotto della media europea infatti "l'Italia ha dati sull'occupazione migliori di altri paesi europei". Unica nota stonata la disoccupazione giovanile dove 1 su 3 (v e n t o t t o %) è senza lavoro ma la giornalista rinviava all'approfondimento economico la questione per parlare di un'altra importante notizia

Read more ...

Ennesima bega giudiziaria per l’Egoarca. Questa volta, a preoccupare il Presidente del Consiglio e il suo entourage è l’invito a comparire inviato dalla Procura di Milano, con cui peraltro lo si informa della sua iscrizione nel registro degli indagati e dei titoli di reato ascrittigli: concussione e prostituzione minorile. Verrebbe da dirsi che, del campionario possibile, gli sia veramente sfuggito ben poco. Sebbene il premier tenda a qualificare qualsiasi querelle lo riguardi come una quisquilia e i processi a suo carico come ridicolezze messe in atto da una magistratura politicizzata e antropologicamente “diversa”, i reati suddetti e per i quali si indaga non sono cosa da poco conto.

Read more ...

Dal 21 Dicembre 2010 il premier è indagato di concussione e prostituzione minorile tanto che pare abbia ricevuto anche un ordine di comparizione da parte della Procura di Milano. La vicenda è quella delle presunte coperture e pressioni sulla questura, per il rilascio della - a quell'epoca- minorenne Karima Ruby el Mahroug, e per il ruolo di presunte escort accompagnate nella sua casa di Arcore. Perquisiti casa e uffici della consigliere regionale Nicole Minetti, già indagata per sfruttamento della prostituzione, e gli uffici di Salvatore Spinelli, uomo della tesoreria Fininvest. Le operazioni della polizia giudiziaria sono coodinate dal pm Ilda Boccassini.

Read more ...

Andrea Camilleri, Paolo Flores d'Arcais e Margherita Hack: "L’inaudito attacco della Fiat ai diritti dei lavoratori è un attacco ai diritti di tutti i cittadini, poiché mette a repentaglio il valore fondamentale delle libertà democratiche. Ecco perché riteniamo urgente che la società civile manifesti la sua più concreta e attiva solidarietà alla Fiom e ai lavoratori metalmeccanici: ne va delle libertà di tutti".

FIRMA L'APPELLO