Poli - Casini, un po di qua e un po di là

Poli - Casini, un po di qua e un po di là

http://www.ischiamondoblog.com/blog/wp-content/uploads/2009/05/casini-thumb.jpghttp://www.ilpaesenuovo.it/pn2008/images/stories/adriana_poli_bortone.jpgSi sa che in Italia la schiena dritta in politica non è cosa di tutti, ma in Puglia ne stiamo veramente vedendo delle belle. Partiamo da Casini che in perfetto stile democristiano sta un po dove gli pare. Detto con parole meno eufemistiche, sta là dove c'è maggiore chance di successo. In Liguria a sinistra, nella Basilicata pure (pensate un po, come se la sinistra in Basilicata avesse bisogno di Casini), mi sa pure nelle Marche mentre dovrebbe stare a destra in Lombardia, in Puglia mentre nel Lazio sta ancora valutando con chi andare...

Facendo un focus sulla Puglia, Casini è in maggioranza con la sinistra al Comune di Bari, al Comune di Foggia, nella Provincia di Brindisi e Taranto ed è all'opposizione sempre con la sinistra nella Provincia di Lecce. Risiede in maggioranza invece con la destra nella Provincia di Bari, nella Provincia di Foggia e al Comune di Brindisi. Insomma o maggioranza o opposizione Casini governa ugualmente. Opposizione a Berlusconi ma amico intimo di Fitto. Contesta un giorno si e l'altro pure le politiche nordiste del duo Fitto-Calderoli ma non ci mette un attimo ad appoggiare un candidato Pdl-Leghista anche in Puglia in cambio di due o tre assessori o di una vicepresidenza.

Passando alla Poli o signora Bortone (come la vogliamo chiamare) la situazione è più o meno analoga. E' all'opposizione al Comune di Lecce, cacciata dal sindaco quando ha fondato il suo movimento personale dandosi al meridionalismo al quale abboccano solo gli allocchi, ma spera di rientrarci presto in maggioranza. E' maggioranza invece con la sinistra (o centro sinistra) alla Provincia di Brindisi, di Taranto e al comune di Casarano. E vuole essere candidata come Presidente, con la destra o con la sinistra poco importa. Basta che sia candidata. Voleva essere candidata del Pdl ma l'anno scorso Fitto gli rispose un bel "niet" temendo certamente che la signora potesse strapparli il potere in Puglia. Così si fece il suo bel movimento e chiese al centrosinistra un po di potere pensando di spuntarla e dare schiaffo al suo rivale di potere Fitto, ma visto che Vendola non si sposta allora si è rigettata a destra tra le braccia del PDL con la speranza che venga lautamente ricompensata. Ma ora che la proposta sta viaggiando di bocca in bocca, cominciano a serpeggiare i malumori dei dirigenti del Pdl. Primo fra tutti il sottosegretario Mantovano che non la vorrebbe candidata come Presidente.

{affiliatetextads 1,,_plugin}Chi scrive non crede che la Poli venga candidata dal Pdl nè che Casini abbia un suo candidato alla Presidenza della Puglia. Mi chiedo allora cosa faranno quando riceveranno la brutta sorpresa dal ministro Fitto, che certo non è certo una cima ma non è neanche troppo stupido. Programmi politici per il Sud? Un nuovo meridionalismo? La voglia di rialzare le sorti del Mezzogiorno? Macchè! Come dire, o Francia o Spagna, purchè si magna.