Una strana campagna elettorale

Una strana campagna elettorale
Sta per finire una imprevista quanto strana campagna elettorale...

così come strano è il modo in cui sparisce il governo Prodi. Però una cosa c'è da dire, che elezioni con coalizioni fatte in questo modo non si vedevano da prima del referendum sull'abolizione del proporzionale. Proporzionale che simpaticamente il porcellone di Calderoli ci ha ri-donato assieme all'ex Casa delle Libertà.

Casini da un lato a rivendicare le origini cristiane, Berlusconi dall'altro a far valere la leadership del centrodestra, Veltroni che cerca di scompigliare tutte le carte autodefinendosi "nuovo" e andando a fare i comizi con gente davvero nuova come D'Alema, Follini (fa senso vederli assieme sui palchi elettorali), Bassolino, Jervolino e i vari ras locali che di nuovo forse hanno solo l'abito; Di Pietro come suo solito a "populismeggiare, lo stesso Di Pietro che voleva le dimissioni della giunta campana per il problema spazzatura ma che ora invece si appresta a sostenere e difendere essendo in coalizione con Walter il Buono.

Poi c'è la Sinistra Arcobaleno, tentativo (forse vano) di unificare la sinistra, tentativo di far rimanere una pesante presenza di sinistra radicale in parlamento nonostante a qualcuno questo dia fastidio (quel qualcuno che ha benedetto la caduta di Prodi). Diciamo che probabilmente si tratta dell'ultima volata di Fausto, in quanto se il progetto SA dovesse continuare nonostante il PdCI naturalmente sarà il nostro Presidente Vendola ha prenderne le redini. Un progetto però in cui dare fiducia per dare rappresentanza alle istanze di sinistra che altri partiti non potrebbero dare.

E poi nonostante tutto e tutti ci sono i Socialisti di Boselli, un po censurati dalla TV, dai giornali e dal resto ma che comunque rimangono autonomi, si dispongono in una posizione di sinistra europea, a sinistra del PD. Questo al PD da ovviamente fastidio, in quanto secondo qualche loro esponente, il contenitore di democristiani, ex comunisti, radicali e dipietristi doveva essere l'unico partito di "centro sinistra". Non è mistero che al sottoscritto i PS stiano piacendo anche per la loro bellissima campagna informativa che divulgano sostanzialmente sul web in siti come siamoincazzati.com , superveltrusconi.com , pattolaico.com  , youtube (visto che i tg sono veltrusconiani), per il loro bel programma e per quel che dice il leader Boselli....quello che avrei sempre voluto sentire da Fassino ma che aimè non ho mai ascoltato. Parlando con un ex compagno di partito abbastanza importante mi ha detto che il programma del PS è un programma bellissimo ma putroppo "non attuabile" quindi bisogna votare PD. Ma non so se ci rendiamo conto della gravità della situazione, ma un tempo era il programma di Rifondazione quello "non attuabile", ora lo è diventato quello riformista del Partito Socialista. E domani quale sarà il programma attuabile invece? Soltanto quello dell'UDC?

Una campagna elettorale centrata comunque sull'asse Veltroni-Berlusconi sul chi promette di più...da un lato Berlusconi con le sue solite cazzate, dall'altro Veltroni che lo segue bene bene con buoni pasto da dare ai meno abbienti, con assicurazioni gratis alle casalinghe, con salari d'ingresso ai giovani, con mirabolanti aumenti delle pensioni ma anche corposi aiuti alle imprese....insomma si mettono a promettere insieme qualcosa come 110 miliardi di euro, cosa che anche il più fedele iscritto non può che considerare tutte queste promesse delle enormi cazzate. Ma, e dico ma, in tutto questo non si parla di temi etici, perchè i due maggiori partiti a differenza degli altri non hanno una posizione comune al loro interno. E' chiaro che devono avere una posizione vicina alla Chiesa ma anche a coloro che pensano che il PD sia ancora di (non dico sinistra) ma di centrosinistra. Vabè ci sarebbero pagine e pagine da scrivere sulle contraddizioni dei maggiori partiti (Fini-Berlusconi-Mussolini-Ciarrapico-Giovanardi da un lato, Ichino-Calearo-Follini-D'Alema-sindacalisti vari, dall'altro) ma non mi va di dilungarmi ancora. Non mancano i colpi bassi e le cadute di stile, Dell'Utri che dice di cancellare la resistenza dai libri di storia e dichiara eroe tal Mangano, Santanchè che dice "A Berlusconi non gliela darò mai", Veltroni che dichiara che Boselli con il PS avrebbe bussato prima alle porte di Casini e poi da Bertinotti. Ma una dignità? 

Ah, quale sarebbe secondo me il voto perfetto? Eehhehe ok PS alla Camera, SA al Senato :) 

Beh, buon voto a tutti e buona scelta...quella almeno non ci manca (ancora per poco) 

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.